Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit

FOLLOW ME

TWITTER GPLUS FACEBOOK BEHANCE PINTEREST

Blog

Home  /  EXHIBITION & EVENTS   /  HOWTAN SPACE – ROMA FINISSAGE ERWIN BLUMENFELD

HOWTAN SPACE – ROMA FINISSAGE ERWIN BLUMENFELD

HOWTAN SPACE – Roma FINISSAGE ERWIN BLUMENFELD a cura di Giuliano Matricardi
Nato il 26 gennaio 1897 a Berlino e morto a Roma il 4 luglio 1969, Blumenfeld può essere considerato un maestro e un’importante fonte di ispirazione per i fotografi, e non, del Surrealismo; soltanto alcune delle sue foto sono state viste ed esibite in Italia finora.
La mostra presenterà 10 vintage in b/n che com- prendono alcune versioni ottenute dalla manipolazione di acidi, scattate tra gli anni ‘30 e la fine degli anni ’50 e 4 edizioni contemporanee edite da Art+Commerce, NYC. Ad arricchire la mostra sarà presentato un video dove il lavoro dell’artista vive, un composit realizzato da Blumenfeld con tutte le copertine di Vogue con una dedica sul retro del tutto singolare scritta di pugno e una immagine della parete del suo studio di Amsterdam completamente riempita dalle sue immagini/ritratti.
Blumenfeld è l’artista che ha realizzato più copertine per Vogue, come mai nessun altro.
Il suo stile può essere meglio descritto come radical chic, spesso caratterizzato da una sana dose di ironia. Tra ì suoi colleghi del panorama artistico di quei tempi, Horst P. Horst e Irving Penn, l’influenza di Blumenfeld può esser vista chiaramente anche nei tratti di Thierry Mugler, Peter Linderberg, Inez van Lamsweerde, e l’emergente generazione di artisti, specialmente quelli che hanno superato il sottile confine tra arte e moda. Mentre gli artisti contemporanei viventi utilizzano il computer per alterare e manipolare le silhouettes delle loro modelle, Blumenfeld sperimentava attraverso la doppia esposizione, gli acidi e il gioco dei riflessi, lo stesso intento formale. Egli ha saputo anticipare in modo rivoluzionario per i suoi tempi un approccio manuale alle tecniche di manipolazione visuale.
La mostra è stata possibile grazie a Yvette George Blumenfeld Deeton, Blumenfeld Estate, NYC e A+C, NYC